Il ROI della campagna alla Sapienza

Il calcolo del ROI, Return on Investment di una campagna di comunicazione è la chimera inseguita da tutti coloro che hanno la responsabilità del settore marketing e comunicazione.

Spesso non è semplice calcolarlo. Spesso mancano le metriche adatte; spesso avere un riscontro dei contatti raggiunti non è tecnicamente possibile e se lo è, comunque, è molto costoso; spesso sono le aziende che non hanno chiari gli obbiettivi della propria campagna e si affidano alla pubblicità in maniera fideistica, aspettando miracoli che, spesso, non arrivano.

Ciò non toglie che all’investitore che abbiamo di fronte, un’idea dei vantaggi che siamo in grado di fornire con i nostri servizi di comunicazione  dovremo pur dargliela . Nel caso della Sapienza i punti di forza che convincono l’azienda ad investire sono i seguenti: da un punto di vista qualitativo l’associazione del proprio brand al Prestigio di un’istituzione con una storia unica e un livello di eccellenza in molti campi della ricerca e della cultura.

Sotto il profilo quantitativo:

  • le dimensioni estese della community. Circa 140 000 persone tra studenti, docenti e personale tecnico amministrativo
  • la forte profilazione e la conseguente facile targhettizzazione di una campagna. possiamo profilare il target per provenienza geografica, per classe anagrafica, per interessi e studi, e molti altri parametri.
  • la concentrazione geografica ed il valore architettonico. La Città Universitaria e le sedi esterne delle facoltà più grandi offrono ottimi bacini per campagne mirate ed efficaci con numerose location ad alta densità di popolazione e frequenza di passaggio.
  • la diversificazione delle tipologie di servizi offerte e la disponibilità di spazi: billboard outdoor e indoor, stand outdoor e indoor, mailing list e presto sito web e digital signage, sponsorship diretta di eventi e progetti.
  • supporto della comunicazione e ufficio stampa.

Va da se che la valutazione del ROI è sempre più puntuale quando il progetto di comunicazione è condiviso e quando si utilizzano mezzi tecnologici e piattaforme internet che raccolgono dati preziosi per valutare l’efficacia della campagna. Per questo puntiamo sempre di più sulla produzione di campagne integrate con diversi mezzi di comunicazione, spingendo il target ad interagire con le piattaforme disponibili e migliorare la qualità dei servizi di advertising.

Annunci

One thought on “Il ROI della campagna alla Sapienza

  1. Pingback: Media Planning e Università « Sapienza VP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...